Suonare delicatamente o “con energia”, fa la differenza, è abbastanza intuitivo. Vale per quasi tutti gli strumenti musicali: cambia “il volume” (l’intensità del suono), ma anche il timbro si modifica (i tecnici la chiamano “formante acustica”).

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti
  • La chitarra o il basso, suonati con forza, danno quel tipico suono “strappato”
  • Se c’è l‘over-drive, suonare piano significa emettere un suono pulito
  • La pelle del rullante o di un timpano vibra diversamente se suonata delicatamente o con forza, e la componente percussiva è più accentuata

LE sfumature dinamicHE, utilizzate in modo creativo, ampliano il vocabolario espressivo con il quale il musicista dà vita alle sue esecuzioni.

Suonare “piano” e “forte” significa veicolare alternanze di sussurri e di urla, di stasi e di irrequietezza, di pace e di agitazione all’interno del brano.

Quando ascolti qualcuno parlare in modo monotònico, con un tono uniforme e costante, perché ti annoi?

Perché molto presto ci si abitua al rumore del treno che passa vicino casa?

Perché è più faticoso guidare a lungo sui rettilinei lunghi e senza traffico?

Se qualcuno appoggia una mano sulla tua spalla, dopo pochi secondi, la tua percezione tattile svanisce.

Perché succede tutto questo?

La dinamica è la gestione dell’intensità sonora durante l’esecuzione.

Il cervello si abitua facilmente alla linearità, alla monotonia, e abbassa il livello di attenzione.

Se la musica viene suonata sempre con la stessa dinamica, sarà per te uno “stimolo monotònico”, e indurrà noia e assuefazione.

Dal punto di vista psico-acustico, la dinamica è un fattore importante per intervenire sull’attenzione dell’ascoltatore.

La musica con livelli dinamici omogenei (come la musica di sottofondo in molti ambienti) può creare noia, assuefazione, indifferenza, abbassamento della soglia di attenzione; così come rilassamento e senso di familiarità. Grandi contrasti dinamici (ad esempio la contrapposizione tra uno strumento solo ed un “forte” improvviso di tutta l’orchestra) creano agitazione, sorpresa, eccitazione.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here