Amato, discusso, emblematico, sicuramente Lucio Battisti è considerato, dai critici e non, uno dei “monumenti”, unitamente a Mina, della musica leggera italiana.

Nato a Poggio Bustone in provincia di Rieti, si trasferì nel 1963 a Milano dove cominciò a comporre canzoni: “Il vento” venne cantata dai Dik Dik, “Nel cuore e nell’anima” e “29 Settembre” dall’Equipe 84.

Nel 1968 partecipò ad alcune delle rassegne musicali più importanti, come Sanremo e il Cantagiro. Il suo primo brano di successo fu “Balla Linda”. Da allora la storia di Lucio Battisti è costellata di grandi successi, sia a 33 che a 45 giri.

“Lucio Battisti” (Ricordi,1969), “Emozioni” (Ricordi, 1970), “Umanamente uomo: il sogno” (Numero Uno, 1972), ” Il mio canto libero” (Numero Uno, 1972), “Il nostro caro angelo (Numero Uno, 1974) e “Anima Latina” (Numero Uno, 1974) rimangono tuttora i suoi album più belli. “Anima Latina” viene considerato per molti aspetti un album progressive.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here