Nasce a Melbourne, in Florida, James Douglas Morrison, cantante e leader carismatico degli storici The Doors.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Figlio di un ammiraglio della Marina degli Stati Uniti, Jim Morrison si trasferisce in tenera età con la famiglia a Los Altos, in California, e qualche anno dopo a San Francisco. In adolescenza si sviluppa la sua personalità cupa e trasgressiva che lo vede coinvolto in atteggiamenti scontrosi e sregolati. Ciò lo portano ad essere arrestato per ubriachezza e disturbo alla quiete pubblica il 28 settembre 1963.

Nel 1964 intraprende gli studi di cinematografia all’Università della California a Los Angeles, distaccandosi totalmente dalla famiglia. Qui conosce un altro studente, Ray Manzarek, molto abile con la tastiera. Jim gli fa sentire alcune sue poesie cantate, tra cui Moonlight Drive e, fortemente colpito dal suo modo di scrivere, Ray gli propone di formare una band. Una band, per la verità, Manzarek già ce l’aveva con i suoi fratelli Rick e Jim Manzarek. Jim si unisce a loro ma i fratelli di Ray lasciano e con loro subentra il batterista John Densmore e il chitarrista Robbie Krieger. Alla nuova band Jim sceglie un nome, The Doors, per indicare “le porte della percezione”.

La band compare in diverse esibizioni divenute epiche nel celebre locale Whisky a Go Go di Los Angeles e la Elektra Records propone un contratto discografico. È in questo periodo che Jim conosce la sua compagna di vita Pamela Courson. Il primo album è l’omonimo The Doors, il quale diventa subito un successo, grazie soprattutto al singolo Light My Fire.

Il successivo Strange Days conferma il successo della band.

Jim Morrison assume comportamenti sempre più anticonformisti e diventa un frontman amato dai fan, i quali rivedono in lui una specie di guida. Un vero aizzatore delle masse, il 2 dicembre 1967, al Portland Memorial Coliseum, il concerto viene interrotto per aver incitato il pubblico a scatenarsi. Il 9 dicembre seguente, prima di un concerto nell’Arena di New Heaven, viene scoperto in atteggiamenti intimi con una ragazza e, non essendo riconosciuto, viene invitato ad uscire dalla polizia. Ma Jim si difende con una bomboletta di gas accecante ma viene subito ristabilito l’ordine chiarendo l’equivoco. Però non contento, il cantante racconta l’accaduto al pubblico e inveendo contro le forze dell’ordine che lo arrestano. E come questi, altri episodi vedono Jim essere sfrenato ed imprevedibile.

I Doors pubblicano Waiting for the Sun, continuando a segnare il tutto esaurito nei loro concerti, i quali diventano delle vere e proprie danze orgiastiche, al limite della depravazione.

Il 1° marzo 1969, al Dinner Key Auditorium di Miami, Jim arriva in ritardo e ubriaco e comincia a parlare in un monologo sovversivo e offensivo. Alla fine viene arrestato per aver mostrato i genitali in pubblico. Non c’è nessuna testimonianza reale che prova tale gesto ma, comunque, viene processato e condannato il 20 settembre 1970. Gli imputano solo reati minori come atti amorali e bestemmia ma non per le accuse di molestia e oscenità in luogo pubblico. I sei mesi di carcere previsti non verranno mai fatti avendo fatto subito appello alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti.

Intanto i Doors pubblicano The Soft Parade, un album minore rispetto ai precedenti. Jim è ormai preso da abuso di alcool e droga e comincia un vero e proprio declino fisico per lui, ma ha inizio il periodo di massimo delirio mistico, nel quale desidera esprimersi in esperienze “sciamaniche”. Nel brano Shaman’s Blues questa sua propensione diventa molto evidente.

Nel 1970 pubblicano Morrison Hotel, album che contiene la celebre Roadhouse Blues.

Lo stato fisico e mentale di Jim peggiora, proseguendo nell’abuso di alcool e droga. Un altro tour prosegue ma le performance del cantante si fanno sempre più difficoltose, portandolo a cancellare alcune date. Il 12 dicembre 1970, Jim arriva sul palco in uno stato pietoso, la cui esibizione lo vede biascicare e dire parole senza senso e crollare più volte a terra. Dopo quel concerto i Doors decidono di fermare il tour. Quella sarà l’ultima apparizione pubblica di Morrison.

Dopo aver registrato L.A. Woman e prima della sua pubblicazione, Jim Morrison raggiunge Pamela a Parigi.

Il 3 luglio 1971 Jim viene trovato morto nella vasca da bagno nella casa dove alloggiava con Pamela.

I Doors, rimasti orfani, dopo aver provato a continuare la carriera in tre con due album poco fortunati, pubblicheranno nel 1978, An American Prayer, album postumo in cui arrangiano musicalmente delle poesie che Jim nel 1970 aveva recitato e registrato.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here