Viene pubblicato Extreme II: Pornograffitti, il secondo album della band statunitense Extreme.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Da tutti considerato il capolavoro della band, diventerà un best seller dell’Hard Rock e dell’Heavy Metal. La sua particolarità è il connubio del Funk con l’Heavy Metal, una scelta vincente che rende il disco un punto di riferimento per un genere nuovo, il Funk Metal.

Gli Extreme nel 1990. Da sinistra: Nuno Bettencourt (chitarra e cori), Paul Geary (batteria e cori), Gary Cherone (voce), Pat Badger (basso e cori).

Le musiche sono concepite principalmente dal virtuoso chitarrista Nuno Bettencourt e i testi dall’istrionico cantante Gary Cherone. Il disco è un concept ironico che esplora temi come il sesso, i soldi e la nostra società ormai in decadenza. Il singolo che aprirà il successo al disco è la famosissima More Than Words, l’unico brano acustico, in contrasto col Funk Metal del disco.

Il resto del disco prosegue tra riff di elevata fattura e linee vocali alla loro altezza, in totale tredici brani di qualità che rendono il disco tra i migliori della storia.

Una citazione particolare viene fatta per il brano He-Man Woman Hater che in apertura contiene un riadattamento di Nuno Bettencourt de Il volo del calabrone, uno sfoggio di tecnica e composizione superiori. Qui vediamo la versione live che ha riunito la band per il venticinquesimo anniversario del disco:

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here