I Pink Floyd pubblicano per il Regno Unito Obscured by Clouds, il loro settimo album in studio. Il lavoro fu commissionato per la colonna sonora del film “La Vallée” dal regista Barbet Schroeder, col quale il gruppo aveva già collaborato per la realizzazione di “More“.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Il gruppo lavorò sulle tracce del disco nell’ultima settimana di febbraio presso lo Chateau d’Heronville in Francia, tra le registrazioni per il successivo album “The Dark Side of the Moon” e l’imminente inizio di una tournée in Giappone.

L’album non ottenne molti consensi ed è generalmente considerato l’episodio meno significativo della discografia dei Pink Floyd. La stampa specializzata inglese, d’altro canto, non gli prestò grande attenzione. La critica lo ha sempre giudicato

una sequenza di canzoni destinate a fare da sfondo ad un film,
ma non a farsi ascoltare per se stesse.

Anche la qualità delle registrazioni non fu ottimale, probabilmente a causa dell’inadeguatezza dello Chateau d’Heronville, uno studio non particolarmente attrezzato. Differente fu l’impatto negli States dove l’album, pubblicato il 15 giugno, ebbe un discreto successo e le stazioni FM lo trasmisero in continuazione come invece non era successo con i precedenti lavori del gruppo.

Il disco è costituito da dieci brani, sia strumentali che cantati, alla fine non tutti utilizzati nel film. Nella stessa data di uscita dell’album il gruppo pubblicò anche il singolo “Free Four“, scritto da Roger Waters.

Nel video seguente, ascoltiamo un altro brano tratto dall’album: Childhood’s End, composto da David Gilmour.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here