Muore a Londra all’età di 55 anni Tony Ashton, cantante pianista e compositore inglese. Era nato a Blackburn nel Lancashire il 1 marzo 1946.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Dopo aver suonato in varie band locali nei dintorni di Blackpool, verso la metà degli anni ’60 entra a far parte dei Remo Four come cantante-tastierista. Il gruppo, originario di Liverpool, sarà resident band presso lo Star Club di Amburgo e intraprenderà successivamente un tour negli States come gruppo spalla dei The Beatles. Gli stessi musicisti saranno chiamati a collaborare con George Harrison nel suo primo disco da solista, la colonna sonora “Wonderwall Music” datata 1968 (Ashton successivamente parteciperà come tastierista anche al monumentale triplo album di Harrison “All Things Must Pass” nel 1970).

Dotato di un timbro vocale molto particolare, con uno stile per certi versi molto vicino a quello di Joe Cocker, alla fine degli anni ’60 Ashton, insieme al batterista Roy Dyke proveniente dai Remo Four ed al bassista Kim Gardner, ex membro dei Creation, forma gli Ashton, Gardner and Dyke. La band, che propone un’originale miscela di Funky, Jazz e RnB, pubblicherà tre album tra il 1969 ed il 1972 (con una hit come “Resurrection Shuffle”) e la colonna sonora “The Last Rebel” alla quale parteciperà anche il tastierista dei Deep Purple Jon Lord.

Questa collaborazione tra Ashton e Jon Lord darà l’avvio ad un importante sodalizio tra i due che sfocerà in diversi progetti: Ashton sarà impegnato come vocalist nei lavori orchestrali di Lord “Gemini suite” e “Windows”, rispettivamente datati 1971 e 1974, realizzeranno insieme il disco “First of the Big Bands” a nome Tony Ashton & Jon Lord nel 1974 e, dopo lo scioglimento dei Deep Purple il lavoro “Malice in Wonderland” con l’apporto di Ian Paice alla batteria per un supergruppo denominato “Paice-Ashton-Lord”.

 

Da ricordare anche la breve militanza nei Family per il disco “It’s Only a Movie” del 1973, e la partecipazione, insieme ad altri ospiti, al disco “Butterfly Ball and the Grasshoper Feast” di Roger Glover e nel 1982 allo splendido disco “Before I Forget” sempre del vecchio amico Jon Lord.

Negli anni ’80 e nei decenni successivi, Ashton ridurrà drasticamente le proprie attività musicali, dedicandosi principalmente alla pittura.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here