Muore a Las Vegas il bassista e cofondatore inglese dei The Who.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Famoso per la sua tecnica prevalentemente solistica, in contrapposizione alle ritmiche del chitarrista Pete Townshend, John Entwistle è considerato, secondo la rivista Rolling Stone, il primo fra i dieci migliori bassisti del mondo.

Rispetto all’irrequietezza degli altri altri compagni di band, John si contrapponeva loro per la sua calma e compostezza. La sua notorietà andò di pari passo con quello degli Who. Già nel primo successo del 1965, My Generation, si fece notare dall’assolo di basso che caratterizza il pezzo.

Nel 1971, di pari passo alla carriera con gli Who, pubblicò il suo primo album solista, fino a formare una nuova band,i The Ox, per portare dal vivo i suoi brani. Dopo la morte del batterista Keith Moon, gli Who si destabilizzarono fino a sciogliersi nel 1982.

Negli anni Novanta collaborò in un supergruppo chiamato The Best, con Keith Emerson, Joe Walsh, Jeff Baxter e Simon Phillips.

La sua carriera solista proseguì con la John Entwistle Band fino al giorno della sua morte.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here