Keith John Moon, indimenticato batterista dei The Who, nasce a Londra il 23 agosto 1946.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Keith cresce a Wembley in una famiglia serena e affettuosa, ma mostra ben presto un carattere particolare. Inizia a suonare da giovanissimo la batteria da autodidatta ascoltando perlopiù batteristi jazz del calibro di Gene Krupa e Buddy Rich.

Suona dapprima nei Beachcomber, band surf-rock, e a soli 17 anni entra negli Who, con i quali diventa una leggenda, scrivendo numerose pagine fondamentali della storia della musica rock.

Il suo stile unico, prevalentemente basato sulla creatività più che sulla tecnica, lo ha portato ad essere considerato da molti addetti ai lavori uno dei più grandi batteristi di tutti i tempi e ad essere considerato un punto di riferimento per tantissimi drummer.

È uno dei primi batteristi rock ad utilizzare la doppia cassa, e predilige l’uso dei crash per rendere più incisive le sue esecuzioni.

Inoltre, il suo carattere fantasioso, contribuisce ad arricchire l’impatto scenico dal vivo degli Who, a volte persino in modo devastante, introducendo la cosiddetta “arte autodistruttiva”, con la band che distrugge letteralmente il proprio equipaggiamento sul palco.

Oltre ad essere un eccelso batterista, Moon è famosissimo per il suo stile di vita a dir poco bizzarro e per i suoi eccessi legati all’alcool e alle droghe, che purtroppo lo porteranno ad una prematura scomparsa.

Nel 1970 Moon, intento a fuggire da una banda di teppisti, investe e uccide accidentalmente con la sua Bentley il suo assistente personale e autista Neil Boland. Questo episodio contribuisce definitivamente a minare il suo carattere già molto fragile.

Il 7 settembre 1978, di ritorno da una serata trascorsa in compagnia di Paul e di Linda McCartney, assume una quantità eccessiva di farmaci e muore nel sonno all’età di soli 32 anni.

Nel 1990 viene introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame come membro dei The Who.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here