Viene pubblicato Blizzard of Ozz, il primo album da solista di Ozzy Osbourne dopo la dipartita dai Black Sabbath.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

È considerato uno dei migliori lavori di Ozzy in assoluto e uno dei dischi fondamentali dell’Hard Rock. La forza di questo successo è il connubio perfetto stabilito tra Ozzy e il giovane ma virtuoso chitarrista Randy Rhoads, proveniente dai Quiet Riot. A coronare il tutto è la partecipazione di Don Airey alle tastiere, Bob Daisley al basso e Lee Kerslake alla batteria. All’inizio degli anni Novanta, il batterista e il bassista fanno causa ad Ozzy per i diritti negati sui brani e Ozzy, persa la causa, fa riregistrare le loro parti dal batterista Mike Bordin e dal bassista Robert Trujillo, pubblicando una nuova edizione nel 2001.

Brani come I Don’t Know, Crazy Train, Goodbye to Romance, Mr. Crowley, Relevation (Mother Earth), Suicide Solution, sono diventati dei classici della discografia di Ozzy Osbourne e ancora oggi proposti in sede live. Di particolare interesse è Dee, breve brano strumentale acustico di Randy Rhoads che in pochi secondi ci delizia delle sue forti abilità tecniche.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here