Nasce a Lewisham, in  Inghilterra, Peter Edward Baker detto “Ginger” per via dei capelli rossi.

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Da studente manifesta interesse per la tromba seguendo lezioni di teoria musicale e di solfeggio. Spostata l’attenzione dai fiati alle percussioni, il suo modello diventa il percussionista jazz Phil Seaman, considerato il miglior batterista sulla scena inglese negli anni Cinquanta. Un vero talento naturale, Ginger Baker si ispira a Seaman condendo la propria tecnica strumentale di forza e aggressività generata dall’indole ribelle che lo caratterizza.

Nel 1963 forma con Jack Bruce, Graham Bond ed Dick Heckstall-Smith la Graham Bond Organisation, una formazione di jazz-blues che acquistò una grande reputazione fra gli appassionati del genere soprattutto per l’alto livello delle esecuzioni dal vivo.

Esaurita l’esperienza con la Graham Bond Organisation a metà degli anni sessanta, Ginger Baker va in cerca di altri approdi e segue il grande bluesman inglese, John Mayall. Essendo rimasto impressionato dall’emergente chitarrista Eric Clapton, gli propone di mettere su un gruppo al quale si aggrega un terzo elemento di grande valore, noto a Mayall e già conosciuto da Baker, il bassista Jack Bruce. Il gruppo che ha origine si chiama Cream e in breve diventa un fenomeno musicale e culturale che presto scala le classifiche.

I concerti live danno modo a Baker di esibirsi in lunghi assolo (che spesso rasentano i 45 minuti, molti dei quali alle prese con la doppia cassa) e diventano un modello per la schiera di batteristi a lui contemporanei e di quelli che muoveranno i primi passi.

I Cream, non potendo durare a lungo a causa delle tre personalità estremamente spiccate, che spesso hanno difficoltà a convivere (specialmente Baker e Bruce), si sciolgono nel 1968. L’esperienza successiva di Ginger Baker è con il supergruppo Blind Faith, che annovera anche Eric Clapton, oltre a Rick Grech al basso e l’appena ventenne ma già rodato Steve Winwood.

L’avventura però dura solo sette mesi. Successivamente Baker collabora con vari musicisti, tra i quali Paul McCartney, ma in sostanza, dal 1971, non produce più nulla di veramente interessante.

Nel 2005 si esibisce alla Royal Albert Hall in una serie di concerti con Bruce e Clapton per una storica “Cream Reunion”.

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here