Vengono pubblicati in contemporanea i due album Use Your Illusion I e Use Your Illusion II. 

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

Resta il lavoro più epocale della band di Axl Rose e soci, trenta canzoni distribuite in due album con cui hanno raggiunto vendite da capogiro, ottenendo sette dischi di platino. Rispetto all’album d’esordio che virava verso canoni Sleaze/Street Metal, i Guns N’ Roses presentano pezzi più articolati, tra Hard Rock classico, brani acustici, ballate, lunghi brani articolati ed orchestrali più due cover riarrangiate, producendo otto singoli in totale. I due album segnano l’esordio nella band del tastierista Dizzy Reed e del batterista Matt Sorum, quest’ultimo al posto dello storico Steven Adler, allontanato per problemi di droga.

Nel primo volume troviamo l’ottima riproposizione del brano dei Wings di Paul e Linda McCartney, Live and Let Die.

Ma non solo. Il brano Don’t Cry, pubblicato con due testi alternativi, uno sul primo volume e uno sul secondo, diventa uno dei classici della band. Alle parti vocali collabora anche il cantante dei Blind Melon Shannon Hoon (il quale morirà qualche anno dopo per overdose), grande amico di Axl.

Uno dei brani più epici del volume I è November Rain, un brano drammatico, che raccoglie tutta la sapienza compositiva di Axl Rose, in cui Slash dà il meglio di sè componendo uno degli assoli più lunghi e belli dei Guns.

Non da meno, il secondo volume presenta brani di elevata caratura, come Civil War, brano che troviamo in aperturaÈ l’unico brano registrato dall’ex-batterista Steven Adler prima di essere allontanato.

Un altra cover riarrangiata in chiave Hard Rock è Knockin’ on Heaven’s Door di Bob Dylan, ottenendo un successo strepitoso e diventando quasi più famosa dell’originale. Qui la sentiamo nella versione dal vivo eseguita al Freddie Mercury Tribute.

Un altro brano del volume II di cui non si può non citarlo è Estranged, altro capolavoro di quasi dieci minuti di durata, scritto da Axl Rose in cui il suo fidato Slash fa un lavoro veramente degno di nota, rendendo il brano uno dei migliori della carriera della band.

Di seguito si possono ascoltare i due album nella loro completezza.

 

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here