Neil Eldwood Peart nasce ad Hamilton in Canada, il 12 settembre 1952

I nostri inserzionisti
Spazio inserzionisti

È (o meglio è stato) il batterista dei Rush. Le sue influenze musicali vanno da Buddy Rich a Keith Moon a John Bonham. Peart, sin dalla sua entrata nel gruppo, è l’autore della grande maggioranza dei testi dei Rush. I compagni di band lo soprannominarono immediatamente “the Professor” proprio in riferimento alla sua padronanza con la lingua scritta e parlata. Appassionato di moto, è autore di vari libri di viaggio, alcuni dei quali auto-prodotti: “The Masked Rider”, che documenta un viaggio in bicicletta attraverso il Camerun fatto alla fine del 1988 e “Ghost Rider: Travels on the Healing Road”, che è il resoconto dei suoi viaggi in motocicletta attraverso Canada, Stati Uniti, e Messico, successivamente alla scomparsa di figlia e moglie avvenute rispettivamente nel 1997 e 1998.

Il 7 dicembre 2015 in una intervista con Drumhead Magazine, Peart ha annunciato il suo ritiro dalla musica, dichiarando: “Ultimamente Olivia mi ha presentato ai nuovi amici a scuola come «Mio padre, un batterista in pensione». È vero, e divertente da ascoltare. E non mi fa male rendermi conto che, come tutti gli atleti, arriva il momento di … ritirarti dal gioco. Preferirei tirarmi in disparte piuttosto che dover affrontare la situazione descritta nella nostra canzone Losing It” ,anche se successivamente il collega Geddy Lee ha chiarito che Neil stava semplicemente parlando della sua decisione di prendersi una pausa dai tour; tuttavia in una successiva dichiarazione Alex Lifeson ha confermato il ritiro di Peart a causa di problemi di salute.

Set di batteria di Neil Peart

È considerato uno dei più grandi batteristi di tutti i tempi, famoso per gli assoli “progettati” con cura e dall’esecuzione complessa ed articolata, alle prese spesso con mastodontici set di tamburi e percussioni varie, anche elettronici. In uno dei suoi video didattici, Anatomy of a Drum Solo, spiega proprio come costruire un assolo di batteria. 

 

© 2019, Associazione Musicale Prog On. Riproduzione riservata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here